Basso Isonzo: il futuro del passato
22488
post-template-default,single,single-post,postid-22488,single-format-standard,qode-social-login-1.1.3,qode-restaurant-1.1.1,stockholm-core-2.3.2,et_bloom,qodef-qi--no-touch,qi-addons-for-elementor-1.5.2,select-theme-ver-9.0,ajax_fade,page_not_loaded,popup-menu-slide-from-left,,qode_menu_,qode-mobile-logo-set,wpb-js-composer js-comp-ver-6.7.0,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-22307
Title Image

Basso Isonzo: il futuro del passato

Basso Isonzo: il futuro del passato

L’associazione Laboratorio dell’inchiesta economica e sociale Lies presenta il libro “Basso Isonzo: il futuro del passato”, un viaggio tra le voci e le immagini degli abitanti del Basso Isonzo, un territorio che invita ad immaginare un futuro diverso per l’intera città.
Domenica 10 aprile, ore 10.30, al Campo dei Girasoli in via Bainsizza, Padova.
Ne parliamo con:
– Francesca Benciolini
– Massimo De Marchi
– Viviana Ferrario
– Filippo Fortuna
– Sergio Lironi
– Mila Masciadri
Nel corso della mattinata verrà inaugurata la mostra delle foto prodotte dagli abitanti durante il percorso di photovoice.
Il libro e la mostra fotografica sono frutto di un lavoro di inchiesta sul quartiere, realizzato nel corso del progetto “Azioni in Basso Isonzo” con il contributo del Comune di Padova e della Fondazione Cariparo nell’ambito del bando Padova Città Policentrica.
L’appuntamento ha il sostegno di Arakè e di RCE Foto.

No Comments

Post a Comment

Registrati alla Newsletter

Entra nella mailing list per rimanere sempre aggiornato sulle nostre attività e ricordati di aggiornare il tuo profilo cliccando sull'apposito link che troverai nella mail di richiesta di conferma iscrizione, grazie!

Ti sei registrato con successo!